Call Center 800.466.466

Guasti idrico 800.896.960

Autolettura idrica 800.212.742

Ingombranti 800.811.333

Prenotazione Ecocentri 800.166.629

Altri

L'avvocato Silvia Cavallarin nominata da Veritas consigliera di fiducia

Venerdì 31 Luglio 2020

Altro

Si occuperà di conciliazione e mediazione. Numerose le iniziative di welfare aziendale e per conciliare i tempi del lavoro con quelli della vita 

L’avvocato Silvia Cavallarin - 44 anni, di Chioggia - è la consigliera di fiducia di Veritas. Dal 2017 svolge lo stesso incarico per la Città metropolitana di Venezia, dove è anche consigliera di parità. L’incarico conferito da Veritas è annuale.

Compito del consigliere di fiducia è la conciliazione e mediazione, valorizzando le competenze dei dipendenti.

La consigliera di fiducia, inoltre, organizzerà progetti per il benessere lavorativo e seminari su mobbing, discriminazione, molestie e stalking, anche con l’uso di uno sportello di ascolto. Le iniziative serviranno per monitorare i livelli di stress occupazionale, tutelare la salute psicofisica dei lavoratori e attivare percorsi per migliorare il clima lavorativo e prevenire il conflitto.

Il principio è quello della prevenzione, creando un ambiente in cui i lavoratori si sentano di appartenere all’organizzazione, attraverso la ricerca di motivazioni e significato all’interno della propria attività lavorativa.

Da anni, inoltre, Veritas tutela e valorizza le diversità di qualunque tipo con specifiche politiche, anche attraverso della nomina del Diversity manager e del Disability manager.

Per i propri dipendenti, Veritas ha messo a punto un pacchetto di iniziative per armonizzare i tempi di vita con quelli del lavoro, che tra l’altro prevede orari personalizzati o flessibili, agevolazioni per il part time, smart working (durante l’emergenza Covid circa 600 persone hanno utilizzato questa formula) e telelavoro.

A queste, si aggiungono le possibilità offerte dal welfare aziendale: Pink camper per la prevenzione del tumore al seno, corsi di autodifesa per le donne impiegate nei servizi di igiene urbana serali e notturni, sportello di ascolto e assistenza psicologica per dipendenti e familiari, consulenza da parte di una nutrizionista, contributi per i centri estivi dei figli, prolungamento del periodo di assenza in caso di malattie gravi o invalidanti, progetto Active ageing (corsi su corretta ergonomia, postura e alimentazione e premi per il personale dei reparti operativi che riducono il numero di infortuni), banca del tempo solidale, cioè ferie e permessi donati dai colleghi in caso di situazioni familiari gravi e particolari.